Benvenuti

Buongiorno e benvenuti. Mi chiamo Enrico Di Stefano e spero di farvi conoscere cose nuove e interessanti. Questo sito è dedicato principalmente alla mia grande passione: la Fantascienza. Per quanto mi riguarda, non si tratta solo di un genere letterario e/o cinematografico. E' un vero e proprio strumento che mi consente di osservare il presente con occhio critico e di guardare al futuro con un pizzico di speranza. Senza mai perdere di vista, naturalmente, la necessità di battersi per un domani migliore. Vi invito a contattarmi in modo da scambiare idee, notizie, pareri e informazioni, scrivendo a fantascientista@libero.it

Archiviato un ventennio da fantascientista (1996 - 2016) 

E adesso? Cosa faccio di nuovo?

Con l'arrivo del nuovo anno, posso archiviare un ventennio da "fantascientista". Tra il 1996 e il 2016 ho militato nel fandom attivo facendo un po' di tutto. Ho scritto due romanzi, una ventina di racconti, un centinaio di articoli. Ho dato un piccolo contributo alla realizzazione di un film. Ho parlato alla radio. Ho letto in pubblico le mie opere più brevi. Ho partecipato a molte convention e ne ho organizzate altre. Ho (co)fondato una fanzine e sono diventato il presidente di un'associazione culturale. Ad altre mi sono associato. Ho incontrato molti esponenti di spicco della Science Fiction internazionale. Praticamente ho vissuto una vita parallela a quella normale, divisa tra famiglia e lavoro. E adesso? Cosa posso fare di nuovo? Tempo permettendo, ho voglia di dedicarmi a nuovi progetti. Che non mancano. In due decenni la forza fisica è diminuita, ma lo spirito e la passione sono rimasti quelli di sempre. Quindi avanti e senza indugio, verso nuovi traguardi. Ho, grazie al Cielo, buoni amici con i quali continuare questa avventura. Sono fiducioso e pertanto, come dicevano i nostri antenati latini, procediamo... Per aspera ad astra.

Storie Gratis: due racconti e un'antologia subito disponibili. Buona lettura.

Le Edizioni della Vigna, con le quali ho pubblicato la maggior parte delle mie opere, mettono a disposizione dei lettori due miei racconti. Lo scenario del primo, Adquireret Britanniam, è l'invasione romana della Britannia ai tempi dell'imperatore Claudio. Siamo quindi nel primo secolo dopo Cristo.

Il secondo, Vostok Zero, esplora una zona d'ombra dell'inizio dell'era spaziale. 

 

ADQUIRERET BRITANNIAM

 

VOSTOK ZERO

 

Kultvirtualpress, invece, propone in vari formati la mia prima antologia, Il Crepuscolo del Nazismo. Uno dei momenti più tragici della Storia del XX secolo raccontato con l'aiuto di fantascienza, fantasy e horror.

 

IL CREPUSCOLO DEL NAZISMO

 

Su Radio Italia 1 di Torino si parla del "Ciclo del Frisland" (22 Marzo 2016)

"Ritorno al Frisland" (2015) Edizioni della Vigna

Il Ciclo del Frisland  è costituito da due romanzi, L’ultimo volo di Guynemer (2011) e Ritorno al Frisland (2015), e tre racconti. Questi ultimi sono inseriti nell’antologia Passi nel Tempo, edita nel 2008. Per avere una visione completa dello sviluppo della storia bisognerebbe leggerla seguendo la seguente successione (tra parentesi è indicato l’anno o l’arco di tempo in cui si svolgono i singoli episodi):

 

  1. L’isola di Frobisher (1578) racconto
  2. The Great Zimbabwe (2223) racconto
  3. Sotto il segno di Venere (2238) racconto
  4. L’ultimo volo di Guynemer (1881 – 2327) romanzo
  5. Ritorno al Frisland (1311 – 1881) romanzo

 

Si tratta di una storia piuttosto complessa imperniata intorno agli effetti di una distorsione spazio-temporale localizzata nel Nord Atlantico, a sud dell’Islanda. La vicenda, che si svolge nell'arco di un millennio, trae spunto da un mistero del mare: la rappresentazione, sulle carte geografiche redatte tra il XVI e il XVIII secolo, di una grande isola, il Frisland, che non esiste nella realtà.

Il Record Impossibile

Il Record Impossibile, edito in versione elettronica da Delos Digital è il mio lavoro d’esordio e risale al 1999. Mi ha dato grande soddisfazione, piazzandosi al 4° posto nella sezione fantascienza del Premio Courmayeur. E’ nato da due mie grandi passioni: la Science Fiction, come è ovvio, e l’atletica leggera. Si tratta di un racconto, dal sapore distopico, che presenta un futuro nel quale il potere politico mantiene un ferreo controllo sui viaggi nel tempo, allo scopo di evitare minacce all’assetto sociale e all’ordine costituito. Il tutto, naturalmente, calpestando le libertà individuali. L’aspetto “sportivo” della vicenda è ispirato ad un fatto realmente accaduto: all’inizio del 1932 un enigmatico velocista australiano, James Carlton, corse le 220 yards (circa 201 metri) in 20”6. La prestazione, in anticipo di un trentennio sul record ufficiale, non venne omologata per mera incredulità. L’atleta, dal canto suo, si fece frate e sparì dalla circolazione. Questa vicenda mi ha affascinato ed ho provato, attraverso la finzione letteraria, a dare una spiegazione alternativa all’enormità dell’exploit.

 

L'ebook è disponibile nel DELOS STORE

 

La copertina del n° 24 di Fondazione SFM

Fondazione Science Fiction Magazine n°24

 

Con grande ritardo rispetto alle previsioni, è iniziata la distribuzione ai soci di Fondazione Science Fiction Magazine 24, bollettino dell'Associazione Culturale Fondazione Science Fiction. Nell'anno appena trascorso, il 2016, la fanzine ha festeggiato il sedicesimo anno di attività, ma non resteremo con le mani in mano e stiamo già lavorando a Fondazione Science Fiction Magazine 25. Spero di aver stuzzicato la vostra curiosità. Chi volesse entrare nella nostra "famiglia" non ha che da contattare la redazione. Per saperne di più circa la pubblicazione e le iniziative cui stiamo lavorando (oppure per proporsi come collaboratori) basta scrivere a: fondazionesf@tiscali.it